Lu pisce, 2004/2006


Lu pisce, 2004 (video shooting) – 2006 (editing)
video: color, sound, 3’27”

 

Schiena, production still by Alessandro Di Giugno

 

Rete, production still by Alessandro Di Giugno

 

Sguardo, production still by Alessandro Di Giugno

 

Attesa, production still by Alessandro Di Giugno

 

Tiro, production still by Alessandro Di Giugno

 

Pesce, production still by Alessandro di giugno

 

Trio, production still by Alessandro Di Giugno

 

Ulisse, production still by Alessandro Di Giugno

 

Babbo morto, video still

 

Scia, video still

 

Cagnolino, video still

 

 

Ride, pencil on paper, cm 21×29,7

 

Cordame, pencil on paper, cm 21×29,7

 

Lava il ponte, pencil on paper, cm 21×29,7

 

Tanti, pencil on paper, cm 21×29,7

 

Fiero, pencil on paper, cm 21×29,7

 

Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
pigghia la fiocina accidilu accidilu accidilu ahh…
te pigghiaru ’a la fimminedda drittu drittu ’ntra lu cori
e chiancìa di duluri ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e la varca la strascinava e lu sangu ni curria
e lu masculu chiancìa ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e lu masculu parìa ’mpazzutu
mi dicia bedda mia nun chiancìri
bedda nun chiancìri
dimmi tia c’haju a fari…?
Rispunnia la fimminedda
ccu nnu filu e filu ’i vuci
scappa scappa amuri miu

ca sinò t’accidunu…
No no no no no amuri miu
si tu mori vogghiu murìri ’nzemi a tia
si tu mori amuri miu vogghiu murìri…
Ccu nu saltu si truvàu ccu issa

ncucchiu ’ncucchiu cori a cori
e accussì finìu l’amuri
di du’ pisci sfurtunati…
Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
c’è puru lu masculu
pigghia la fiocina accidilu accidilu ahhh…
Chist’è ’na storia
d’un pisci spada
storia d’amuri

Domenico Modugno, Lu pisce spada, RCA, 1954

 

Nel romanzo dello scrittore canadese Kenneth J. Harvey, La città che dimenticò di respirare (Einaudi, 2006), si narra di una misteriosa malattia che colpisce una cittadina di pescatori, Bareneed. Isola di Terranova, Nuova Caledonia. Senza nessuna causa patologica apparente , gli abitanti perdono la facoltà di respirare – muoiono insomma come “pesci fuor d’acqua”.
È la vendetta del mare, dei morti senza tomba ma soprattutto dei pesci strappati alle onde e lasciati a morire d’aria, una delle agonie più feroci nel mondo animale, e la più disattesa, la più ignorata.
Il video di Andrea Contin, breve resoconto di una partita di pesca, offre questo squarcio di vita marinara che ha conservato ritmi antichi e che si svolge in un immutato clima di rituale indifferenza.
Bisogna distrarre gli occhidalle immagini e privilegiare questa volta l’ascolto, la voce angosciata di Modugno che canta la morte del pesce e la festa crudele della mattanza.
Bisogna isolare, nella sequenza dominata da volti, cordami, reti, pezzi di barcariprese delle onde schiumose, il pesce decapitato che giace sul fondo della barca e sembra un profilo umano.
È la prova d’artista che trasforma il documentario in metafora del contrappasso.
Così muoiono, nella lontana e antica Odissea, i nemici di Ulisse, gli usurpatori del suo regno, “…nel sangue e nella polvere, come pesci che i pescatori hanno tratto a riva dal mare, nella rete a maglie, mentre il sole ardente toglie loto la vita” (canto XXII).

Maria Grazia Ciani

 

The Town That Forgot How to Breathe” (Einaudi, 2006) by the Canadian novelist Kenneth J Harvey is a story about a strange illness which hits a town of fishermen called Bareneed in Newfoundland, New Caledonia. For no apparent reason, the local inhabitants suddenly lose the capacity to breathe – in other words they die like “fish out of water”. This is the sea’s revenge, dead people with no graves but, above all, fish ripped from the waves and left to die in the air, one of the most agonising things in the animal world and the most widely overlooked and ignored.

Andrea Contin’s video clip, a short story about a fishing expedition, provides a brief overview of marine life, which has kept its age-old rhythms and unfolds in a never-changing climate of ritual indifference.

You need to look away from the pictures and listen instead to the angst-ridden voice of Modugno, who sings about dying fish and the cruel celebration of slaughter. Despite all the faces appearing on screen, you need to focus on the ropes, nets, bits of old boats swept up by the foamy waves, the decapitated fish lying on the bottom of a boat which almost looks like the face of a person.

 This is the work of an artist transforming a documentary into a metaphor for retaliation. That is how Ulysses’ enemies, the usurpers of this thrown, died way back in the ancient times of the Odyssey, “….lying in the dust and weltering in their blood….like fishes which fishermen have netted out of the sea, and thrown upon the beach to lie gasping for water till the heat of the sun makes an end of them.” (Book XXII)

(Maria Grazia Ciani)

Conto i giorni che ci separano.
Intorno a me terra, mare, terra.

Mare…
Sempre e solo mare. Mare, mare e ancora mare.
Negli occhi, infinito, eterno, logorante come la mia attesa.
Liquido come lacrime di solitudine.

E terra.
Sabbia e terra, tra le mani, sotto i piedi.
Terra che mi sostiene, mi àncora alla nostra vita, mi radica ai nostri progetti, mi lega ai nostri sogni.
Sabbia che cambia forma, trasportata dal vento, e scivola tra le dita come le nostra speranze.
Mutevole come le onde, inafferrabile come il destino.
E poi il vento.
Brezza dolce che lenisce líassenza, alito caldo che consola.
Tempesta che agita il mio sonno solitario, che tormenta il desiderio giaí inquieto del tuo ritorno.
Ma quale ritorno? Un nuovo ritorno. Sempre seguito da una nuova partenza.
E ancora una volta io rimango qui sulla riva a guardare una scia di schiuma che si allontana fino a perdersi.
In balia del ricordo dellíultimo abbraccio.
Arsa dal timore di non ricevere il prossimo bacio.

Lara

 
I count the days we are apart.
Around me soil, sea, soil.

Sea…

Always nothing but sea. Sea, sea and more sea.
In my eyes, infinite, eternal, nerve-racking like my waiting.
As liquid as lonely tears.
And soil.
Sand and soil, in my hands, under my feet.
Soil I can stand on, anchoring me to our life, rooting me to our plans, connecting me to our dreams.
Sand which changes shape, carried by the wind and slipping through my fingers like our hopes.
As changing as the waves, as ungraspable as destiny.

And then the wind.
A gentle breeze easing the absence, a warm and consoling breath.
A storm disturbing my lonely sleep, tormenting my already disturbing yearning for your return.
But which return? Another return. Always followed by another departure.
And once again I am left here on the shore, watching a trail of foam disappear into the distance.
At the mercy of the memory of our last embrace.
Parched by the fear of never being kissed again.

Lara

 

 

0 Comments

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.